Influenza aviaria, potrebbe nascere una nuova pandemia?

Una donna nel sud della Cina è risultata positiva all’influenza aviaria H3N8, dicono i funzionari locali, rendendo solo la terza volta che il virus è stato trovato negli esseri umani, anche se un ceppo precedente potrebbe aver causato la pandemia del 1889. Il Centro provinciale per il controllo e la prevenzione delle malattie del Guangdong, in una breve dichiarazione rilasciata lunedì, ha affermato che una donna di 56 anni della città di Zhongshan è stata infettata dall’H3N8.

La notizia arriva quasi un anno dopo che il virus H3N8 è stato confermato per la prima volta negli esseri umani, quando un bambino di 4 anni nella Cina centrale si è ammalato gravemente. Anche gli animali domestici della famiglia, un cane e un gatto, sono stati contagiati. Una seconda persona, un bambino di 5 anni della provincia di Hunan, è stata infettata circa un mese dopo, nel maggio 2022. Si è ripreso rapidamente dopo solo lievi sintomi, secondo il governo cinese. L’H3N8 si trova negli uccelli ma anche nei cavalli ed è uno dei due virus che causano l’influenza canina. Il nuovo caso in Cina è solo il terzo caso confermato nell’uomo e il primo in un adulto.

Sintomi influenzali - Foto di Andrea Piacquadio/ Pexels.com
Sintomi influenzali – Foto di Andrea Piacquadio/ Pexels.com

Ma mentre non è mai stato trovato negli esseri umani fino al 2022, i ricercatori hanno creduto a lungo che un precedente ceppo del virus potesse aver causato la pandemia del 1889, nota come “influenza asiatica” o “influenza russa”. Ricerche più recenti suggeriscono che un ceppo di coronavirus potrebbe aver causato la diffusione. Le tipologie di influenza aviaria presenti nel mondo tuttavia non finiscono qui: L’influenza aviaria è rara negli esseri umani ma può causare una serie di problemi gravi e potenzialmente fatali. La trasmissione si verifica in genere quando si maneggiano uccelli malati. L’influenza aviaria H5N1 è stata documentata per la prima volta negli Stati Uniti nel 2021 ed è stata rilevata in Florida nel gennaio 2022. La Florida attualmente guida gli Stati Uniti nei campioni positivi di uccelli selvatici con 413 al 21 marzo, secondo il National Wildlife Disease Program.

L’influenza aviaria è una famiglia di virus influenzali che provoca una grave malattia respiratoria negli uccelli causata dai virus dell’influenza A. Il ceppo virale più comune è chiamato H5N1. Presenta un alto livello di trasmissibilità tra le popolazioni aviarie. Mentre il virus si trova inizialmente nelle popolazioni di uccelli selvatici, può diffondersi rapidamente agli uccelli domestici, provocando epidemie su larga scala. I virus sono divisi in due gruppi: il tipo lieve chiamato influenza aviaria a bassa patogenicità (LPAI) e il tipo grave chiamato influenza aviaria ad alta patogenicità (HPAI).