Gravidanza: ecco i sintomi 8-10 giorni successivi all’ovulazione

La nausea e il vomito che di solito terminano entro 12-14 settimane di sono sperimentati dalla maggior parte delle donne, anche se alcune vi sono soggette più gravemente, come nel caso dell’iperemesi gravidica quando i sintomi possono continuare per tutta la gestazione. La causa è stata spesso identificata come psicologica, ma un nuovo studio rafforza l’opinione che sia invece biologica e collegata a uno specifico stadio di sviluppo della gravidanza.

Ipertensione in gravidanza

Il diario giornaliero dei sintomi

La ricerca, dell’Università di Warwick e pubblicata su BMC Pregnancy and Childbirth, condotta su 256 donne che hanno tenuto un diario giornaliero individua, in particolare, una finestra nella quale i sintomi si manifestano: otto-dieci giorni dopo l’, identificando un periodo di tempo specifico che potrebbe far propendere per una causa anatomica o biochimica legata alla condizione. Ciò inoltre colloca la manifestazione di nausea e vomito nel corso della gestazione prima rispetto a quanto generalmente si consideri, cioè 20-30 giorni dopo l’ultimo ciclo mestruale, un indicatore secondo gli studiosi meno ‘sicuro’ dell”ovulazione dal quale partire.

Levoxacin in gravidanza e in allattamento

Nausea e vomito in gravidanza

“In passato – evidenzia il professor Roger Gadsby, autore principale della ricerca – le donne che soffrivano di nausea e vomito in gravidanza hanno visto i loro sintomi banalizzati e trascurati perché si pensava ci fosse una base psicologica. Questa ricerca rafforza ulteriormente il fatto che nulla potrebbe essere più lontano dalla verità, che questo è un problema biologico legato alle prime fasi di sviluppo del feto”.