Farina di grillo, la stai già mangiando spesso senza accorgertene!

Scambieresti la carne con gli insetti? I grilli domestici e le larve potrebbero presto arrivare nel tuo supermercato locale. A gennaio, l’Unione Europea ha approvato la vendita di questi insetti per il consumo umano in polvere e altre forme essiccate. È una buona notizia per il pianeta, poiché gli insetti ricchi di proteine ​​richiedono molta meno terra e acqua rispetto alla carne per essere prodotti. “Il consumo di insetti… contribuisce positivamente all’ambiente, alla salute e ai mezzi di sussistenza”, si legge in una dichiarazione della Commissione europea.

L’entomofagia è la pratica di consumare insetti come cibo e un quarto della popolazione mondiale abbraccia già questa pratica. Ma il mondo occidentale è un po’ più lento a “saltare” a bordo. L’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’alimentazione e l’agricoltura ha identificato quasi 2.000 tipi di specie di insetti commestibili, inclusi i grilli. Non solo sono vitali, ma possono essere altamente nutrienti. La farina di grilli è un’ottima fonte di nutrimento e contiene tutti e 9 gli amminoacidi essenziali, il che la rende una proteina completa, con quasi il triplo della quantità che si trova nella bistecca e il doppio di quella del pollo. Per finire, la farina di grilli è anche una ricca fonte di calcio, ferro, potassio, vitamina B12, B2 e acidi grassi essenziali. Anche se la carne di manzo è una buona fonte di ferro e altri minerali, i grilli sono più ricchi di una serie di nutrienti biodisponibili, consentendo al corpo di utilizzare questi nutrienti in modo più efficiente. A differenza di altri animali dove c’è una grande quantità di rifiuti, l’intero grillo viene ingerito.

Nonostante i vantaggi ambientali, non tutti sono soddisfatti della nuova approvazione degli insetti da parte dell’UE. In Francia, il politico di destra Laurent Duplomb ha criticato la decisione dell’UE dicendo: “Non possiamo lasciare che i francesi mangino insetti a loro insaputa”. Questa preoccupazione deriva dall’idea errata che l’UE non richiederà che gli insetti siano chiaramente etichettati quando vengono mescolati con altri ingredienti come la farina. Questo non è il caso. La stampa fine richiede che la polvere di grillo sia chiaramente etichettata. La confezione deve inoltre indicare che “l’ingrediente può causare reazioni allergiche ai consumatori con allergie note a crostacei, molluschi e acari della polvere”.

Se sei arrivato così lontano, probabilmente sarai in grado di sopportarlo: la farina di grilli ha un sapore delicato, leggermente nocciolato, senza alcun indizio che tu stia mangiando insetti. Ed è finemente macinato (quindi non preoccuparti, non troverai antenne o gambe che spuntano). Se ti senti avventuroso e vuoi provare la farina di grilli, assicurati di acquistare da una fonte attendibile. Dovrai evitare di catturare e mangiare i grilli che trovi in ​​casa e in giardino, poiché non sai cosa mangiano o se sono stati precedentemente esposti a pesticidi. Ma il pensiero di mangiare insetti raccapriccianti non è la tazza di tè di tutti e molti in Europa avrebbero bisogno di molto convincente per aggiungerli alla loro dieta.

La farina di grillo è già presente in legumi, pane, farine, pizze, salse e molti altri prodotti. Assicurati di sapere esattamente cosa c’è nella farina di grilli che stai acquistando. A causa del background storico del nome, alcune persone sono confuse nello scoprire che la farina di grilli non può essere utilizzata per la cottura senza l’aggiunta di ulteriori farine. O che le farine di grilli e la polvere proteica di grilli a volte si riferiscono allo stesso prodotto. Il punto è assicurarsi di conoscere il tipo di farina di grilli che stai acquistando e che funzionerà per i tuoi scopi.