Ema: l’Europa approva il vaccino Pfizer-BioNTeche ai maggiori di 16 anni

L’Agenzia europea del farmaco ha dato l’ok condizionale al vaccino anti-Covid Pfizer-BioNTech. “Potrà essere utilizzato a partire dai 16 anni di età”, ha dichiarato la direttrice esecutiva dell’Ema, Emer Cooke. Dopo l’annuncio, Bruxelles ha dato il via libera alla commercializzazione delle dosi. Il 27 dicembre dovrebbero iniziare le vaccinazioni in tutti i Paesi membri dell’Unione europea. Conte: “Una splendida notizia”.
Von der Leyen: “Ora agiremo velocemente su vaccino”
“É un momento decisivo nei nostri sforzi per fornire vaccini sicuri ed efficaci agli europei. L’Ema ha emesso un parere scientifico positivo sul vaccino /”. Lo scrive, via Twitter, Ursula von der Leyen, subito dopo l’autorizzazione dell’Ema.

L’autorizzazione per il vaccino

Il presidente della Commissione europea ha poi annunciato il via libera all’immissione in commercio del vaccino in Europa.

Ema: “Garantiamo a cittadini sicurezza ed efficacia vaccino”
“Le notizie positive di oggi rappresentano un importante passo avanti nella nostra lotta contro questa  pandemia”. Lo ha aggiunto la direttrice dell’Ema, Emer Cooke. “Abbiamo raggiunto questo traguardo grazie alla dedizione di scienziati, medici, e volontari della sperimentazione, nonché a molti esperti di tutti gli Stati membri dell’Ue – ha aggiunto – Possiamo garantire ai cittadini dell’Ue la sicurezza e l’efficacia di questo vaccino che soddisfa gli standard di qualità necessari”. “Tuttavia, il nostro lavoro non si ferma qui. Continueremo a raccogliere e analizzare i dati sulla sicurezza e l’efficacia di questo vaccino per proteggere le persone che assumono il vaccino nell’Ue”, ha aggiunto.

Ema: anche con il vaccino mantenere precauzioni e distanze
 “Le nostre raccomandazioni sono di continuare a lavarsi le mani di frequente, usare le mascherine e mantenere la distanza fisica perché al momento non possiamo essere certi che la vaccinazione impedisca il contagio e su questo è in corso una sperimentazione”. Lo ha detto Harald Enzmann, presidente del comitato per i medicinali umani (Chmp) dell’Agenzia europea del farmaco (Ema).