Effetto rebound, ecco cos’è che ha colpito il rapper Fedez

L’effetto rebound è uno dei fenomeni psicologici che maggiormente influenza la nostra vita. È anche uno dei più sconosciuti. Quindi cadiamo nella sua rete ancora e ancora. Lasciamo che ci tolga il nostro equilibrio mentale. E permettiamo che ci faccia prendere decisioni sbagliate perché non siamo consapevoli della sua influenza. L’effetto di rimbalzo si verifica quando ci costringiamo a evitare qualcosa. Allora quell’immagine o quel pensiero si riafferma nella nostra coscienza, attirandoci proprio verso ciò che vogliamo evitare. È un processo paradossale, poiché è molto difficile contenere pensieri indesiderati.

Tuttavia, questo fenomeno può manifestarsi in molti modi. Spesso, quando si smette di assumere un farmaco in maniera brusca, il nostro corpo può reagire in malomodo causandoci vari sintomi. Se un farmaco produce un effetto rebound, il malessere per cui è stato usato per il trattamento può ripresentarsi ancora più forte quando il farmaco viene interrotto o perde efficacia. L’effetto di rimbalzo si verifica dopo l’interruzione di numerose classi di farmaci che agiscono in contrasto con i disturbi della malattia, esacerbandoli a livelli superiori a quelli precedenti al trattamento. Indipendentemente dalla malattia, dal farmaco e dalla durata del trattamento, il fenomeno si manifesta in una piccola percentuale di soggetti predisposti. Tuttavia, può causare eventi avversi gravi e fatali e dovrebbe essere considerato un problema di salute pubblica in considerazione dell’enorme consumo di farmaci da parte della popolazione.

Comprendere l’effetto “di rimbalzo” spiega perché alcuni farmaci, in particolare quelli che hanno un effetto rapido e intenso sul sistema nervoso, creano una forte dipendenza. Una delle ironie della dipendenza è che l’effetto di rimbalzo fa sì che la persona che assume la droga provi gli stessi effetti a cui sperava di sfuggire attraverso l’uso di droghe. Ad esempio, quando prendi un farmaco sedativo, che provoca rilassamento e sonnolenza, si verificherà un effetto di agitazione di rimbalzo dopo che il farmaco svanisce, facendoti desiderare di prendere più farmaco sedativo per calmarti. Questo può effettivamente peggiorare il rischio di sviluppare una dipendenza, poiché le persone cercano di recuperare gli effetti che hanno sperimentato dopo aver assunto il farmaco.

Il dolore si intensifica anche durante il rebound di un antidolorifico, come un farmaco oppioide, o una droga da strada, come l’eroina. Il dolore può essere fisico, emotivo o una combinazione dei due. Il dolore fisico ed emotivo spesso vanno di pari passo, quindi è facile vedere come si sviluppa la dipendenza da antidolorifici. Insomma, prima di smettere di assumere un farmaco importante per la nostra salute, bisogna stare molto attenti!

Cerca su Googlefarmacie di turno