Malattie

Diverticolite acuta: cause, sintomi e rimedi

Una guida completa alla diverticolite: che cosa è, come si sviluppa, come si può trattare e in che modo potete prevenirla correttamente.

La formazione di questi piccoli sacchetti è una condizione relativamente benigna (diverticolosi), che non deve necessariamente destare preoccupazione. Diverso è il discorso per la malattia più grave, la diverticolite, che può coinvolgere vari livelli di entità, da un piccolo ascesso in una o più sacche, a una massiccia infezione o perforazione dell’intestino.

Tornando ai diverticoli, questi sacchetti possono svilupparsi ovunque sul tratto digerente, ma si formano più comunemente alla fine dei due punti discendenti sul lato sinistro dell’addome. Spesso i problemi possono però verificarsi anche nella prima sezione dell’intestino tenue, sebbene raramente causino dei fastidi tangibili.

Sintomi di diverticolosi e diverticolite

In virtù di quanto sopra, non possiamo che rammentare come se avete la diverticolosi, potreste anche non accorgervene, considerato che i diverticoli sono solitamente indolori e causano pochi sintomi, se ce ne sono.

Ad ogni modo, quando presenti, i sintomi possono includere:

  • crampi sul lato sinistro del tuo addome, che scompaiono dopo il passaggio di gas o lo spostamento delle viscere;
  • sangue rosso nelle feci.

I sintomi della diverticolite sono invece molto più evidenti e includono forti dolori addominali e febbre.

Diverticolite acuta o cronica

Si tenga anche conto che la diverticolite può essere acuta o cronica. La forma acuta di diverticolite può manifestarsi con uno o più attacchi gravi di infezione e di infiammazione.

Nella diverticolite cronica, l’infiammazione e l’infezione possono attenuarsi, ma potrebbero non scomparire completamente. L’infiammazione della diverticolite può eventualmente causare un’ostruzione intestinale, che può causare stitichezza, feci sottili, diarrea, gonfiore addominale o dolore addominale.  Se l’ostruzione persiste, il dolore aumenterà, e potreste andare incontro a nausea e vomito .

Stipsi e scarsità di fibre

Entrambi i tipi di fibra possono inoltre aiutare a prevenire la costipazione, grazie al loro contributo per rendere le feci più morbide e facili da espellere. Di contro, la stipsi determina uno sforzo notevole per l’organismo, e dunque un conseguente aumento della pressione nel colon. Tale incremento di pressione determina pertanto un rigonfiamento del rivestimento attraverso i punti deboli nella sua parete. Le tasche così create sono, appunto, i diverticoli.

Ad ogni modo, la non corretta alimentazione non è l’unico elemento tipico della diverticolite. Altri elementi che possono rappresentare delle cause di questa condizione – spesso, concomitanti alla cattiva alimentazione in termini di scarsità di fibre – sono rappresentati dalla mancanza di esercizio fisico.

Complicazioni e sintomi

Se non trattata, la diverticolite può portare a gravi complicazioni che richiedono un intervento chirurgico, tra cui:

  • gli ascessi possono formarsi intorno ai diverticoli infetti: se questi attraversano la parete intestinale, possono sviluppare una peritonite, un’infezione potenzialmente fatale che richiede un trattamento immediato;
  • possono verificarsi cicatrici , che portano a una stenosi o a un blocco dell’intestino;
  • le fistole possono svilupparsi se un diverticolo infetto raggiunge un organo adiacente e forma una connessione tra di loro. Un contesto che si verifica più frequentemente tra l’intestino crasso e la vescica, e può portare a un’infezione dei reni vicini. Le fistole possono verificarsi meno comunemente tra l’intestino crasso e la vagina.
  • possono verificarsi gravi emorragie che richiedono una trasfusione di sangue.

I sintomi della diverticolite sono generalmente contraddistinti da:

  • grave dolore addominale e crampi, di solito tendenti a peggiorare sul lato sinistro e aumentare quando l’area viene toccata;
  • nausea;
  • brividi e febbre;
  • gonfiore;
  • stitichezza, feci sottili o diarrea;
  • sanguinamento rettale (raro).

Come abbiamo già compreso nelle righe precedenti, la diverticolite richiede un trattamento immediato, ancor più urgente se tra i sintomi ci sono i seguenti segnali:

  • febbre, brividi, gonfiore addominale o vomito;
  • sangue nelle feci;
  • febbre;
  • addome rigido e doloroso quando ci si muove.

Con questi sintomi non è infatti da escludere che si possa avere una peritonite, un’infezione della membrana che riveste la cavità addominale.

Cause

L’invecchiamento e l’ereditarietà sono fattori primari nello sviluppo di diverticolosi e diverticolite, ma anche la dieta svolge un ruolo. Rispettare una dieta a basso contenuto di fibre e ad alto contenuto di cibi raffinati può infatti contribuire ad aumentare il rischio di andare incontro a una simile situazione.

Non è un caso che nelle società occidentali, circa il 10% delle persone sopra i 40 anni alla fine sviluppa la diverticolosi. E che la percentuale raggiunge almeno il 50% nelle persone sopra i 60 anni.

La diverticolite si presenterà in circa il 10% -25% di quelli con diverticolosi.

Sebbene non sia stato ancora dimostrato, alcuni ricercatori pensano inoltre che se si è spesso stitici e di solito affaticati quando si ha un movimento intestinale, è possibile che si possa creare una pressione sufficiente nelle pareti intestinali per indebolirle e iniziare lo sviluppo dei sacchetti diverticolari.

Un’altra scuola di pensiero è che invece la causa principale sia quella di assenza di sufficienti fibre nella dieta. La mancanza di fibre porta a un aumento della tensione della parete dell’intestino per spostare le feci attraverso il colon. Ciò provoca quindi delle crescenti pressioni locali che portano alla formazione di sacchetti nei punti deboli nella parete del colon.

L’aumento della pressione insieme al cibo non digerito, può erodere la parete diverticolare, causando infiammazione e possibile infezione batterica, che può causare diverticolite.

Diagnosi

Se ritenete di avere diverticolosi o diverticolite, è necessario parlarne con il proprio medico di riferimento. A sua volta, il medico potrà eseguire test per diagnosticare le condizioni, tra cui:una serie di immagini di contrasto da una scansione TAC o da raggi X, che vengono poi elaborate e visualizzate su un computer per osservare l’intestino, il tessuto e le ossa circostanti; colonscopia, un test in cui viene utilizzato un tubo flessibile illuminato per esaminare l’interno dell’intestino.

Se invece è in atto un caso acuto di diverticolite, una colonscopia potrebbe danneggiare l’intestino. Il medico potrebbe dunque raccomandare solo una TAC, che potrà aiutare a confermare la diagnosi di diverticolite.

Cura

Come abbiamo già ricordato, una volta che si sviluppano i diverticoli, questi sacchetti rimarranno per sempre, a meno che non vengano rimossi chirurgicamente. Potete comunque ridurre al minimo le possibilità di sviluppare un’infezione modificando la vostra dieta. Se si soffre di un lieve caso di diverticolosi, il medico potrebbe ad esempio fare assumere una dieta ricca di fibre per assicurarsi che l’intestino si muova regolarmente e per ridurre le probabilità di subire evoluzioni in diverticolite.

Se invece avete sviluppato una diverticolite, dovete necessariamente consultare un medico per assicurarvi di guarire completamente e per evitare possibili complicazioni potenzialmente letali. La diverticolite viene trattata con modificazioni dietetiche, antibiotici e eventualmente con un intervento chirurgico.

Una lieve infezione da diverticolite può essere trattata con riposo, soluzioni emollienti delle feci, dieta liquida, antibiotici per combattere l’infiammazione e eventualmente farmaci antispastici.

Tuttavia, se avete già avuto una perforazione o se si sta sviluppando un’infezione più grave, sarà probabilmente necessario un ricovero in ospedale in modo da poter ricevere antibiotici per via endovenosa.

Inoltre, il medico potrebbe desiderare di drenare gli ascessi infetti e di dare una pausa al tratto intestinale eseguendo una colostomia temporanea. Questa operazione ha come scopo quello di creare un’apertura in modo che l’intestino si svuoti artificialmente.

Ulteriormente, se avete diversi attacchi di diverticolite acuta, il medico potrebbe decidere di rimuovere la sezione intestinale interessata. Potrebbe anche essere necessario un intervento chirurgico se la terapia endovenosa non tratta efficacemente un attacco acuto di diverticolite. Qualunque sia il trattamento, le possibilità di un recupero completo sono molto buone se si riceve un pronto intervento medico.

Ricordiamo inoltre che per poter prevenire la stitichezza si dovrebbero bere almeno otto bicchieri d’acqua al giorno. Se invece siete già costipati, le prugne o il succo di prugna possono essere validi lassativi naturali.

Seguite inoltre una dieta a basso contenuto di grassi: il grasso rallenta il passaggio del cibo attraverso l’intestino. Durante gli attacchi acuti di diverticolite, mangiare cibi a basso contenuto di massa (brodi e pane a basso contenuto di fibre) mentre i diverticoli sono infiammati e sensibili, e alcuni alimenti utili nella propria dieta, come verdure cotte, frutta cotta e mele. Evitate di contro il latte e i prodotti a base di latte (yogurt e formaggi), che potrebbero peggiorare la malattia, soprattutto se avete diarrea.

Dieta

A volte, specialmente quando invecchiano, le persone possono sviluppare i diverticoli che – come abbiamo rammentato – infiammandosi possono dar luogo a diverticolite. In questi casi, oltre ad avere dolore addominale, le persone interessate possono manifestare nausea, vomito, gonfiore, febbre, stitichezza o diarrea.

Molti esperti ritengono che una dieta povera di fibre possa favorire la diverticolosi e la diverticolite. E che questo potrebbe essere il motivo per cui le persone in Asia e in Africa, dove la dieta tende ad essere più ricca di fibre, hanno un’incidenza molto bassa della condizione.

Se si verificano sintomi gravi da diverticolite, come quelli già anticipati, il medico potrà raccomandare una dieta liquida come parte del trattamento, che può includere grandi quantità di acqua, succhi di frutta, brodi.

A poco a poco, il paziente potrà tornare a una dieta normale. Il medico potrà in questo caso consigliare di iniziare con alimenti a basso contenuto di fibre (pane bianco, carne, pollame, pesce, uova e latticini) prima di introdurre cibi ricchi di fibre. La fibra potrà infatti ammorbidire e aggiungere volume alle feci, aiutandole a passare più facilmente attraverso il colon. Ridurrà anche la pressione nel tratto digestivo.

Molti studi dimostrano in tal proposito che mangiare cibi ricchi di fibre può aiutare a controllare i sintomi diverticolari. Più precisamente, è stato individuato come le donne di età inferiore ai 51 anni dovrebbero mirare ad assumere 25 grammi di fibra al giorno. Gli uomini di età inferiore ai 51 anni dovrebbero assumere 38 grammi di fibra al giorno. Ancora, Le donne dai 51 anni in su dovrebbero assumere 21 grammi al giorno, mentre gli uomini di età compresa tra 51 e 30 anni dovrebbero assumere 30 grammi al giorno.

In tal senso, ecco alcuni cibi ricchi di fibre da includere nei pasti:

  • pane integrale, pasta e cereali;
  • fagioli (fagioli e fagioli neri, ad esempio);
  • frutta fresca (mele, pere, prugne);
  • verdure (zucca, patate, piselli, spinaci).

Il medico può anche raccomandare un supplemento di fibre, come psillio (Metamucil) o metilcellulosa (Citrucel) da una a tre volte al giorno. Bere abbastanza acqua e altri liquidi durante il giorno aiuterà altresì a prevenire la stitichezza.

Ma quale è il quantitativo di fibre consigliabile nella dieta umana?

Naturalmente, la scelta del quantitativo di fibre dipenderà da paziente e paziente. E, dunque, il nostro consiglio non può che essere quello di rivolgervi a un buon dietologo. Tuttavia, possiamo anche sintetizzare come in linea di massima può essere raccomandabile un consumo tra i 20 e i 35 grammi di fibra, abbinando eventualmente un integratore alimentare.

Seguendo una dieta così composta, non si ritiene generalmente necessario procedere con l’eliminazione di alimenti specifici. Naturalmente, ripetiamo ancora una volta, tutte le decisioni in merito alla dieta dovranno essere assunte considerando le differenze tra soggetto a soggetto. Un pratico consiglio potrebbe inoltre essere quello di conservare un diario alimentare che aiuterà il medico a individuare eventuali alimenti che possono generare dei problemi.

In particolare, se si rilevano comuni crampi, gonfiore, costipazione e altri sintomi, il medico potrà prescrivere altresì un eventuale ciclo di antinfiammatori di breve durata. In tale ambito, si dovrà altresì tenere in considerazione che a volte l’utilizzo di antidolorifici può causare costipazione e, dunque, contribuire a peggiorare il quadro.

Pietanze ricche di fibra

Come abbiamo accennato, la dieta che deve seguire chi è affetto da diverticolite è prevalentemente ricca di fibre, e qui possiamo fare un elenco sommario degli alimenti che le contengono maggiormente:

  • Pasta integrale
  • Riso integrale
  • Legumi (fagioli, ceci e soia)
  • Fave
  • Broccoli
  • Cavolfiore
  • Cavoletti di Bruxelles
  • Mandorle

Possiamo affermare che, generalmente, ogni vegetale contiene un buon quantitativo di fibra. Dunque, la cosa migliore da fare per assumerne una quantità sufficiente, è variare la dieta di tutti i giorni, anche per non mantenere una dieta monotona che potrebbe far desistere il malato. Una cosa da evitare è il consumo di cibi che contengono i semi, perché, se non vengono masticati bene, questi possono annidarsi internamente ad un diverticolo, causando infiammazione.

In base a quanto appena detto, i cibi da escludere sono: semi di sesamo, semi di girasole, lenticchie e tutti gli alimenti di piccole dimensioni che potrebbero rimanere di piccole dimensioni anche nell’intestino.

Alimenti come le arachidi ad esempio oppure il mais, vanno masticati a lungo, per evitare il deposito di piccoli frammenti nell’intestino e causare a sua volta ulteriori problemi. Il consumo di acqua serve a facilitare il lavoro intestinale ed a favorire il suo transito regolare, ed è sconsigliato l’impiego di bevande eccitanti, perché potrebbero causare effetti avversi.

Prevenzione

Ma in che modo si può prevenire la diverticolite? Il modo migliore per prevenire questo problema è modificare la propria dieta e il proprio stile di vita.

In particolare, ecco alcuni pratici suggerimenti:

  • mangiare più fibre aggiungendo pane integrale, farina d’avena, cereali di crusca, frutta fresca fibrosa e verdura alla vostra dieta. Tuttavia, fate attenzione a non esagerare: meglio aggiungere fibra gradualmente. Un passaggio improvviso a una dieta ricca di fibre può infatti causare gonfiore e gas;
  • accompagnate la vostra dieta aggiungendo una preparazione da banco contenente psillio, derivata dalla pianta Plantago psyllium. Potete anche provare i semi di psillio: una volta al giorno, aggiungete 1 cucchiaino di semi di psillio su qualsiasi bevanda fresca e bevete entro pochi minuti dalla preparazione, prima che la miscela si gelifichi;
  • bevete molti liquidi (almeno otto bicchieri d’acqua al giorno) se aumentate l’assunzione di fibre;
  • evitate cibi raffinati, come farina bianca, riso bianco e altri alimenti trasformati;
  • prevenite la stitichezza assumendo soluzioni ammorbidenti delle feci. Tuttavia, non utilizzate supposte o lassativi per la costipazione nel lungo termine senza consultare il medico. Prugne, succo di prugna e semi di psillio sono invece dei buoni lassativi naturali che vi risparmieranno di acquistare prodotti in farmacia.
  • i tè appositamente formulati per combattere la stitichezza sono disponibili in abbondanza nei negozi di alimenti naturali. Tenete conto però che alcuni di essi possono essere molto forti e, dunque, usateli solo come indicato. Evitate prodotti contenenti senna (Cassia senna), un lassativo a base di erbe particolarmente forte e può dare assuefazione;
  • fate regolare esercizio fisico. L’esercizio fisico può infatti aiutare i muscoli intestinali a mantenere il tono, favorendo i movimenti intestinali regolari.

Approfondimenti e credit

  • Harrison Principi di Medicina interna. Dennis L. Kasper
  • Anthony S. Fauci Dan L. Longo Stephen L. Hauser J. Larry Jameson Joseph Loscalzo; Ed. Ambrosiana; 2018
  • Sitaraman and Friedman’s Essentials of Gastroenterology. Lawrence S. Friedman, Shanthi Sitaraman; Ed. Wiley-Blackwell; 2018
  • Manuale di Chirurgia Generale. Davide F. D’Amico; Ed. Piccin; 2018
Advertisement
Tags

Articoli correlati

Back to top button
Close